Soccorso istruttorio nelle elezioni comunali

Massima

Consiglio di Stato, Sez. III, n. 2159 del 09.04.2018

Nel procedimento per le elezioni comunali per i Comuni con popolazione fino a diecimila abitanti, disciplinato dagli artt. 28-31 della Sezione II del d.P.R. 16 maggio 1960, n. 570, si applica il principio del soccorso istruttorio, espressamente previsto solo per i Comuni con popolazione superiore a diecimila abitanti dall’art. 33, ultimo comma, d.P.R. n. 570; pertanto, il candidato che non ha consegnato nei termini il certificato di iscrizione nelle liste elettorali, prescritto dall'art. 32, d.P.R. n. 570 cit., deve essere ammesso ad integrare la documentazione mancante.

Sentenza

FATTO

1. La signora Paola Ius ha proposto la sua candidatura, nella lista "Alternativa civica", alle elezioni amministrative del Comune di Zoppola, che si terranno il prossimo 29 aprile.

La candidatura è stata però ricusata per mancanza del certificato di iscrizione nelle liste elettorali, prescritto dall'art. 32, d.P.R. 16 maggio 1960, n. 570 senza che la Seconda Sottocommissione assegnasse all’interessata un termine per la regolarizzazione della carenza mediante integrazione del documento mancante.

Avverso detta esclusione la signora Ius ha proposto ricorso al Tar Friuli Venezia Giulia che, con sentenza 3 aprile 2018, n. 96, lo ha respinto sul rilievo che a tale fattispecie non si applica il c.d. soccorso istruttorio né i principi espressi dall’Adunanza plenaria del Consiglio di Stato n. 23 del 2009, che si riferiscono ai certificati dei sottoscrittori di lista, e non dei candidati. In ogni caso, conclude il Tar, l’interessata non aveva prodotto in giudizio una prova di essersi tempestivamente attivata per la richiesta del certificato elettorale.

2. La sentenza del Tar è stata impugnata dalla signora Ius con appello notificato e depositato il 5 aprile 2018, nel quale ha dedotto l’erroneità della sentenza del giudice di primo grado per essere il principio del soccorso istruttorio applicabile anche al caso in cui ad aver omesso la produzione del certificato di iscrizione delle liste sia stato il candidato.

È vero, infatti, che l'Adunanza Plenaria n. 23 del 2009 si era pronunciata su una fattispecie di carenza documentale riconducibile ai presentatori di una lista elettorale; ma è altrettanto vero che il principio di diritto affermato riguardava in generale l'inciso “ammettere i nuovi documenti”, contenuto nell'ultimo comma dell'art. 33, inciso che si riferisce indistintamente a tutti i documenti di cui all'art. 32, ivi compresi i certificati di iscrizione nelle liste elettorali dei candidati. L’art. 33, come interpretato dall'Adunanza Plenaria e dalla giurisprudenza successiva, non presuppone affatto la dimostrazione di esimenti o cause di giustificazione per l'attivazione del dovere di soccorso previsto nell'ultimo comma della norma.

3. La Prefettura di Pordenone e la Seconda Sottocommissione elettorale circondariale di Pordenone non si sono costituite in giudizio.

4. I signori .........................................     non si sono costituiti in giudizio.

5. Alla pubblica udienza del 9 aprile 2018 la causa è stata trattenuta per la decisione.

DIRITTO

Come esposto in narrativa è impugnata la sentenza del Tar Friuli Venezia Giulia 3 aprile 2018, n. 96, che ha respinto il ricorso proposto dalla signora Paola Ius – candidata con la lista "Alternativa civica" alle elezioni amministrative del Comune di Zoppola – per l’annullamento della propria esclusione, disposta dalla Seconda Sottocommissione elettorale circondariale di Pordenone per mancanza del certificato di iscrizione nelle liste elettorali, prescritto dall'art. 32 del Testo unico delle leggi per la composizione e l’elezione degli organi delle Amministrazioni comunali, approvato con d.P.R. 16 maggio 1960, n. 570.

L’appello è fondato.

Risulta dagli atti di causa che il Comune di Zoppola ha 8.419 abitanti.

La puntualizzazione circa il numero di abitanti rileva ai fini dell’individuazione della disciplina che regola la fattispecie. Per le elezioni amministrative, con popolazione fino a 10.000 abitanti, si applicano gli artt. 28-31 della Sezione II del d.P.R. n. 570 del 1960.

Non è infatti condivisibile l’assunto dell’appellante secondo cui troverebbero applicazione le disposizioni (artt. 32-35) dettate dalla Sezione III per effetto della novella introdotta dall’art. 1, l. 10 agosto 1964, n. 663, secondo cui “le norme per la elezione dei consiglieri comunali nei Comuni con popolazione superiore ai 10.000 abitanti, previste dal testo unico delle leggi per la composizione e la elezione degli organi delle Amministrazioni comunali approvato con d.P.R. 16 maggio 1960, n. 570, si applicano anche per la elezione dei consiglieri comunali dei Comuni con popolazione superiore ai 5.000 abitanti”. Si tratta, infatti, di affermazione che non tiene conto che il citato art. 1 è stato abrogato dall’art. 1 e dall’allegato 1 (n. 70699), d.lgs. 13 dicembre 2010, n. 212.

Tale conclusione non esclude peraltro l’applicazione, al caso in esame, dell’ultimo comma dell’art. 33, d.P.R. n. 570, invocato dall’appellante, secondo cui “La commissione, entro il ventiseiesimo giorno antecedente la data della votazione, si riunisce per udire eventualmente i delegati delle liste contestate o modificate, ammettere nuovi documenti e deliberare sulle modificazioni eseguite; nella stessa seduta ricusa altresì le liste per le quali non si sia provveduto a ripristinare il rapporto percentuale”.

Ha chiarito Cons. St., sez. V, 18 maggio 2015, n. 2524 – con argomentazioni che il Collegio condivide e fa proprie – che l’art. 30, pur non menzionando in via esplicita la facoltà ammessa dal successivo art. 33, non detta un divieto di integrazione documentale e va, quindi, interpretato in modo compatibile con il sistema normativo favorevole all’integrazione di lacune meramente formali. Alla stregua di un’interpretazione costituzionalmente orientata dell’art. 30 cit., deve pertanto estendersi anche ai Comuni con popolazione inferiore ai 10.000 abitanti la facoltà, esplicitamente prevista dall’ultimo comma del successivo art. 33 del Testo Unico per i Comuni con popolazione superiore, di produrre “nuovi documenti”.

Una diversa opzione, che consentisse l’integrazione documentale esclusivamente nell’ambito delle procedure elettorali relative ai Comuni più popolosi, produrrebbe - stante l’assenza di una ragione giustificativa legata a specifiche esigenze organizzative e operative - una non ammissibile diversa conformazione dei diritti politici dei cittadini e dello status di elettore.

Corollario obbligato di tale premessa era l’obbligo della Seconda Sottocommissione elettorale circondariale di Pordenone, prima di procedere all’esclusione della candidatura della signora Ius, di chiederle la produzione del certificato mancante, che peraltro era stato rilasciato dal Comune di Trieste all’interessata il 27 marzo 2018 (id est, lo stesso giorno in cui il delegato di lista, dottor Angelo Masotti Cristofoli, ha presentato la lista, con la relativa documentazione, alla Seconda Sottocommissione elettorale circondariale) e del quale, come ha affermato il difensore dell’appellante in udienza, è stato precluso il deposito, seppure tardivo.

La soluzione indicata si rivela, in definitiva, come quella più rispettosa, al contempo, del principio del favor partecipationis, inteso come ineludibile declinazione dell’effettiva garanzia di esercizio dei diritti politici costituzionalmente garantiti, e degli interessi pubblici sottesi alla normativa di riferimento, restando, comunque, salvaguardata l’acquisizione delle certificazioni se la richiesta fosse stata rivolta alla signora Ius appena riscontrata la mancanza, senza generare, in tal modo, alcun nocumento ai principi di celerità e certezza del procedimento elettorale.

Tale conclusione è peraltro supportata dai principi espressi dall’Adunanza plenaria del Consiglio di Stato n. 23 del 30 novembre 1999 che, seppure con riferimento alla diversa fattispecie dell’ammissione delle liste elettorali, esprime un favor per la regolarizzazione o integrazione postuma della documentazione, che non può non estendersi al caso in cui a non essere completa è la documentazione relativa all’ammissione dei candidati; la diversa conclusione non troverebbe, infatti, alcuna ratio né logica né tantomeno giuridica.

Ritiene invero il Collegio che in entrambi i casi vale il principio del favor, di rilievo costituzionale (artt. 48 e 51), per la più ampia partecipazione all’esercizio del diritto di elettorato attivo e passivo.

Giova aggiungere che l’applicazione del principio del favor partecipationis alle competizioni elettorali risulta corroborata dalle considerazioni della Corte costituzionale e della Corte europea dei diritti dell’uomo: con la sentenza n. 1 del 13 gennaio 2014, la Corte costituzionale ha evidenziato che le disposizioni sui sistemi elettorali sono ragionevoli se stabiliscono “oneri non sproporzionati rispetto al perseguimento” di obiettivi legittimi, il che comporta che le medesime disposizioni possono comportare l’esclusione delle liste o delle candidature solo quando siano violate chiare previsioni che precisino le formalità da seguire e le conseguenze derivanti nel caso di loro violazione; con la sentenza 16 marzo 2006, n. 58278, la Corte europea dei diritti dell’uomo, Grande Chambre, ha evidenziato che la legislazione elettorale dei singoli Stati deve tendere a procedure volte a determinare l’effettiva volontà del popolo; la Corte europea ha chiarito che “vi sono molti modi per organizzare e gestire i sistemi elettorali e numerose differenze in Europa specie nell’evoluzione storica, nella diversità culturale, nel pensiero politico e spetta ad ogni Stato contraente fondere tali diversità nella sua propria visione della democrazia”. Ha aggiunto la Corte che la disciplina nazionale deve comunque consentire che le condizioni, alle quali sono subordinati il diritto di votare o di candidarsi alle elezioni, non riducano i diritti ad un punto tale da pregiudicare la loro essenza e privarli della loro effettività; che perseguano uno scopo legittimo; che i mezzi impiegati non siano, soprattutto, sproporzionati rispetto al fine che la legislazione nazionale persegue, sicché tutte le condizioni imposte da questa devono rispecchiare “la preoccupazione di mantenere l’integrità e l’effettività di una procedura elettorale volta a determinare la volontà del popolo mediante un suffragio universale”.

Non vi è dubbio, quindi, che, proprio alla luce di tali fondamentali principi costituzionali ed europei, l’applicazione della strumentalità delle forme debba a maggior ragione trovare applicazione alla carenza documentale del candidato alla competizione elettorale.

In conclusione, per i suesposti motivi, l’appello va accolto, con conseguente riforma della sentenza del Tar Friuli Venezia Giulia 3 aprile 2018, n. 96 e ammissione alla competizione elettorale della signora Paola Ius.

La complessità della vicenda contenziosa comporta l’esonero delle parti soccombenti, non costituite in giudizio, dalla rifusione delle spese e degli onorari del giudizio.

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza),

definitivamente pronunciando sull’appello, come in epigrafe proposto, lo accoglie e, per l’effetto, annulla la sentenza del Tar Friuli Venezia Giulia 3 aprile 2018, n. 96 e ammette la signora Paola Ius alle elezioni amministrative del Comune di Zoppola del 29 aprile 2018.

Nulla per le spese.

Di Sotto Studio Legale

Consulenza e assistenza legale

Orari e Contatti

Riceviamo a studio previo appuntamento il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 15:30 alle 18:00.
  • Telefono: 0776/270140
  • E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Copyright © 2014 Di Sotto Studio legale
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.Maggiori informazioni.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.