• Home
  • Giurisprudenza
images.jpg

Consiglio di Stato, Sez. V, n. 1853 del 23.03.2018

Massima

Non sono consentite regolarizzazioni postume delle posizioni previdenziali, perché l’impresa dev’essere in regola con l’assolvimento degli obblighi previdenziali e assistenziali fin dalla presentazione dell’offerta e conservare tale stato per tutta la durata della procedura di aggiudicazione e del rapporto con la stazione appaltante; sicché rimane irrilevante l’eventuale adempimento tardivo dell’obbligazione contributiva, posto che l’invito alla regolarizzazione  opera solo nei rapporti tra impresa ed ente previdenziale, ossia con riferimento al DURC chiesto dall’impresa e non anche al DURC richiesto dalla stazione appaltante per la verifica della veridicità dell’autodichiarazione resa  dal concorrente in sede di partecipazione alla gara.

Continua a leggere

download.jpg

Consiglio di Stato, Sez. V, n. 1845 del 23.03.2018

Massima

Per le gare da aggiudicare con il criterio dell’offerta più vantaggiosa nessuna norma di carattere generale impone alle stazioni appaltanti di attribuire alla migliore offerta tecnica in gara il punteggio massimo previsto dalla lex specialis  mediante il criterio della c.d. doppia riparametrazione,  la quale deve essere espressamente prevista dalla legge di gara.

Continua a leggere

abuso-1.jpg

T.A.R. Lazio-Roma, Sez. I,  n. 3299 del 23.03.2018

Massima

La nozione di “volume tecnico”, non computabile nella volumetria, corrisponde a un’opera priva di qualsivoglia autonomia funzionale, destinata solo a contenere, senza possibilità di alternative  impianti serventi di una costruzione principale per essenziali esigenze tecnico-funzionali della medesima. In sostanza, si tratta di impianti necessari per l’utilizzo dell’abitazione che non possono essere in alcun modo ubicati all’interno di questa, come possono essere – e sempre in difetto dell’alternativa – quelli connessi alla condotta idrica, termica o all’ascensore e simili, i quali si risolvono in semplici interventi di trasformazione senza generare aumento alcuno di carico territoriale o di impatto visivo.

Continua a leggere

avvocato.jpg

T.A.R. Lombardia - Brescia, Sez. II, n. 354 del 26.03.2018

Massima

Il principio di “rotazione” degli operatori economici da invitare nelle procedure negoziate svolte in base all’art. 36 del d.lgs 50/2016 trova fondamento nella esigenza di evitare il consolidamento di rendite di posizione in capo al gestore uscente (la cui posizione di vantaggio deriva soprattutto dalle informazioni acquisite durante il pregresso affidamento), soprattutto nei mercati in cui il numero di agenti economici attivi non sia elevato.

Continua a leggere

images.jpg

 

Consiglio di Stato, V°, 7 febbraio 2018 n. 815 

La prima sentenza del Consiglio di Stato  sull’art.95 co. 10 d.lgs. 50/2016 ritiene che  la norma ha colmato le incertezze del passato e, quindi,  che in base alla stessa l’omessa indicazione degli oneri della sicurezza comporta l’esclusione dalla gara.

La decisione a prima vista  sembra  abbandonare del tutto l' indirizzo della A.P. 19/2016 che gia' aveva negato una portata escludente dell' identica previsione dell'art. 87 co 4 d.lgs 163/2006, quanto meno ove  il bando non richiedesse la specificazione di detti oneri.

Tuttavia, la sentenza in rassegna ha puntualizzato  che nella fattispecie il concorrente non poteva neppure fare affidamento sulla lettera d'invito che aveva fomulato espressamente  l’obbligo di indicare in modo puntuale i richiamati oneri.

Sotto tale ultimo aspetto,  di affidamento, certezza e chiarezza della lex specialis,   la questione sembra, quindi, destinata a restare aperta.

Dello stesso giorno, infatti,  la sentenza TAR Puglia Bari, II, n. 165/2018 , che ha applicato l’insegnamento dell’A.P.  n. 19/2016 all’art. 95 co.10 D.Lgs 50/2016 in ipotesi di bando silente. 

Massima 

Nuovo Codice degli appalti – Indicazione degli oneri aziendali della sicurezza.

Per le gare indette all’indomani dell’entrata in vigore del nuovo Codice (come quella che qui viene in rilievo) non vi sono più i presupposti per ricorrere al soccorso istruttorio in caso di mancata indicazione degli oneri di cui all’articolo 95, comma 10. Nel caso in cui il bando richieda espressamente l'indicazione di detti oneri i concorenti che non vi abbiamo porvveduto non possono neppure vantare un affidamento incolpevole. 

Continua a leggere

Di Sotto Studio Legale

Consulenza e assistenza legale

Orari e Contatti

Riceviamo a studio previo appuntamento il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 15:30 alle 18:00.
  • Telefono: 0776/270140
  • E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Copyright © 2014 Di Sotto Studio legale
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.Maggiori informazioni.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.